Il Circo dei Pagliacci

Il Circo dei Pagliacci

Pennywise il diabolico pagliaccio di IT, rappresenta bene il senso della mia poesia

Il circo dei pagliacci

Troppi pugni,

E pochi abbracci:

Ride e piange

Non lo sai,

Il cerone, copre i guai

Il Pagliaccio !

Oh è falso,

Ma è bello

I bambini, con le mamme

Batti mani – ridi pure

I pagliacci!

Ogni dramma è falso

Ogni risata è

Programmata

Riflettori,

Dentro e fuori

False luci…

La sua anima,

Dov’√®?

(ma c’√®?)

Il circo dei pagliacci

Ha messo le tende,

Nel Transatlantico.

Scannarsi per un niente

Amarsi poi odiarsi;

Le promesse,

mai attese:

Disattese!

Il circo dei pagliacci

E’ montato nel Palazzo oh,

Tra…

Corridoi di potere

Segreterie

Di segreti…

Tendone in  montato in piazza

Che non si smonta mai;

Chi è fuori è fuori,

Chi è dentro è dentro.

E’ un antico gioco.

Il circo non finisce,

Tutti seduti !

In poltrona a recitare

La parte dei Signori…

Tanti pagliacci,

Ridono come matti.

Copyright © 2010 by Gabriele Sorrentino

Questa voce è stata pubblicata in Poesie e Racconti e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Il Circo dei Pagliacci

  1. admin scrive:

    Ho scritto questa poesia nel 1997, testo di una canzone mai scritta. Oggi, domenica di elezioni, mi sento di postarla perché rappresenta bene ciò che penso del nostro mondo Politico.

  2. Elisa scrive:

    E io che ti conoscevo solo per il golfino… non sapevo di questo tuo lato artistico.
    Complimenti!

  3. admin scrive:

    Mi fa piacere ti sia piaciuto! Se sei interessata alle mie iniziative artistiche visita ogni tanto questo sito. Buona serata e grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *