Il Grido della Verità

IL GRIDO DELLA VERITA cop per SITO

Il Grido della Verità (Edizioni Artestampa, maggio 2015)

Interesse, Odio, Ansia. Sono questi i sentimenti che albergano a Modena nel 1860, dopo che i plebisciti hanno consegnato la città al nuovo Regno d’Italia e che il governo provvisorio di Luigi Carlo Farini ha emarginato gli intellettuali fedeli al Duca in esilio. In questo clima i modenesi attendono il 4 maggio, data fatidica quando Vittorio Emanuele II giungerà in città, in treno, per visitare i suoi nuovi sudditi. Mentre fremono i preparativi per la visita del Re nella notte tra domenica 22 e lunedì 23 aprile la Guardia Nazionale rinviene un cadavere nella piazza antistante il Palazzo Ducale. La vittima, un patriota, è adagiato come in croce, con cucito in bocca un ritaglio di giornale. Un rituale inquietante che spinge le autorità modenesi a chiedere aiuto a Torino: il Re sta arrivando, la città è in subbuglio e si teme per la sicurezza del sovrano. Il Governo manda così in città Urbano Platini che, fingendosi un giornalista, dovrà indagare sull’omicidio e sulla fedeltà della città alla Causa. Durante la sua indagine Urbano conoscerà diversi personaggi, uno spaccato di una città ancora lacerata dagli eventi. C’è Ermanno, oste duchista, che con sua moglie Adele gestiscono lo Scudo d’Oro. C’è Francesca, ragazza madre, prostituta vessata da fratello Antonio e dal padre di suo figlio, Ercole, guardia di Farini. Ancora, la fascinosa Anna Maria, donna della borghesia che si comporta da aristocratica e accoglie i propri ospiti in un ambito salotto. Vi sono poi tanti personaggi, alcuni reali altri frutto di fantasia, che faranno conoscere a Urbano i tanti volti della città. Intanto, però la mano dell’assassino non si placa e un giovane duchista viene trovato ammazzato con un altro ritaglio di giornale in bocca. Chi è l’assassino? Qual è il suo movente? Chi si cela dietro l’uomo mascherato che veglia durante le nebbiose nottate modenesi? A queste domande tenterà di rispondere Urbano mentre gli omicidi continuano e il treno con a bordo Vittorio Emanuele II si avvicina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.