Metti la storia al lavoro – la conferenza 2018 dell’AIPH

Dopo la bellissima esperienza di Ravenna 2017 sono tornato sul luogo del delitto, cioè ho partecipato nuovamente con gli amici di POPHISTORY  alla II conferenza dell’AIPH – Associazione Italiana di Public History che, quest’anno si intitolava “Metti la storia al lavoro” e si è tenuta a Pisa dall’11 al 15 giugno.

Ho potuto rimanere poco, da martedì 12 pomeriggio a mercoledì 13 ma nonostante la toccata e fuga è stata una bellissima esperienza.

Bellissima la prolusione di Andrea Giardina nella magica cornice della sala Azzurra della Scuola Normale.

Il panel (AIPH33) a cui ho partecipato è stato all’alba (le 8,30…) di mercoledì 13 giugno e si intitolava La Storia al tempo dei meme. Una sfida per la Public History tra potenzialità divulgative e rischi di semplificazione. 

A partire dal coordinamento di Francesco Mantovani, il nostro panel era tutto targato PopHistory, in collaborazione con l’Istituto Ferruccio Parri. Il mio intervento si intitolava:  É possibile raccontare Roma e il Medioevo attraverso i meme? Potenzialità e problematiche. Gli altri interventi sono stati di Matteo Di LeggeBattlefields of meme – La storia militare tra meme e rap battle, Igor Pizzirusso, Meme Frego? La semplificazione – non sempre ironica – dei grandi totalitarismi del Novecento, Iara Meloni, La Prima Repubblica non si scorda mai. Dal “socialismo gaudente” allo scandalo di Tangentopoli attraverso i meme. 

Considerando l’orario, il pubblico è stato numeroso e partecipativo. Una bella soddisfazione.

Verso le 15,00 è stata poi la volta di uno Speednetworking sul tema giornalismo storico. Esperienza nuova, si tratta di una conversazione face to face con un partecipante al convegno che si è iscritto precedentemente. Io ho avuto quattro iscrizioni. E’ stato molto affascinante confrontarsi con quattro diverse sensibilità e percorsi sul tema del giornalismo e della narrativa storica.

Insomma. Una bellissima esperienza.

Gabriele.

Questa voce è stata pubblicata in Public History, Saggistica. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.